sabato 13 novembre 2010

Bruna - un anno da landed immigrant

Oggi pubblico le parole di Bruna, parte integrante ormai di questo blog, in cui descrive il susseguirsi di emozioni provate in questo suo primo anno da immigrata. Ringraziandola per il suo contributo le auguro un prospero e sereno avvenire anche per gli anni futuri!


My first year in Canada

Il 7 Novembre di un anno fa stavo volando sopra i cieli di Toronto, mentre aspettavo di atterrare al Pearson Airport. Da sopra vedevo queste distese immense di colore giallo, subito ho pensato agli enormi spazi e ai parchi del Canada di cui avevo sentito parlare negli anni prima di venire qui.

Da allora é passato esattamente un anno. Come ho sempre detto e sostenuto gli anni da emigrante passano velocemente. In questo anno sono successe tante cose belle e brutte. La vita da immigrato non é mai semplice, per me é stata difficile e facile allo stesso modo. In primis perché avevo già provato anni indietro come ci si sente ad iniziare tutto daccapo; una volta che ero riuscita ad integrarmi ho dovuto lasciare tutto ed iniziare ancora una volta.

I primi mesi sono stati pieni di rabbia e di dolore per ciò che avevo fatto, non ero più sicura della mia scelta e di questa esperienza. Tutto ciò che mi circondava non aveva senso. L'unica cosa che mi dava serenità era l'amore che il mio Elton mi trasmetteva.

Ricordo benissimo un giorno che piansi cosi tanto solo perché non mi sentivo pronta alla neve e al freddo. I miei pianti nascosti erano diventati un'abitudine.

Un giorno, dopo circa 3 mesi dal mio arrivo, mi alzai e dissi a me stessa: cosi non posso più andare avanti, devo assolutamente cambiare questa situazione. Scelsi di non pensare più al passato e di non avere più rimorsi per la mia decisione ma solo di guardare avanti e cogliere tutte le opportunità che mi si sarebbero presentate.

Cominciai a fare nuove amicizie, la classe d'inglese che frequentavo mi coinvolgeva molto, ho iniziato a lavorare e continuo tutt'oggi nello stesso posto, le mie prospettive per il futuro erano diverse quando arrivai. Nel frattempo ho conosciuto di più la cultura Canadese, le tradizioni della gente, i modi di fare e tutto ciò che mi circonda ogni giorno.

La scorsa estate sono tornata in Italia, soprattuto per darmi delle risposte. Dopo un mese e mezzo di vacanza ho capito che il Canada mi mancava. Allora mi sono detta: Bruna adesso sai dov'é il posto in cui vuoi vivere. Sappiamo che l'house é qui in Canada ma Home é sempre la stessa dove siamo nati e cresciuti, dove i nostri affetti vivono ancora. Certi giorni mi viene rabbia, perché in una vita che abbiamo dobbiamo vivere lontani dai nostri cari!?! Ma sono domande che rimangono senza risposte.

Da Settembre sto facendo uno stage in una grande azienda del comune di Toronto. Mi piace tantissimo e spero che tutto si concluda bene. Anche se lavoro 16 ore al giorno non mi pesa, faccio due lavori, ma oggi sono motivata e positiva su questa esperienza.

Ho voluto condividere con voi la storia del mio primo anno in Canada per dire che tutto é possibile nella vita, basta volerlo ed essere ottimisti.

Grazie al mio Amore ed agli amici che ho incontrato tutto é più facile adesso.

77 commenti:

bruna ha detto...

grazie Simona per avermi ispirata a scirvere, non sono mai stata grande a scrivere ma ci ho provato:)

Francesco ha detto...

grazie bruna. grazie. sono rimasto senza parole per la forza e la passione che ci hai regalato. grazie.

Davide ha detto...

Complimenti Bruna !!! Dici bene che bisogna lasciare andare il passato e vivere il domani . Ma soprattutto è vero che sono pochissimi i momenti della giornata nei quali "eventualmente" si possa pensare a quello che era ed a quello che si è lasciato .
Ognuno ha la sua storia , ognuno di noi ha i suoi perchè , ma una cosa mi è chiara la lontananza gioca strani scerzi nei rapporti personali con le persone . Anche in questo bisogna ricredersi e soprattutto si hanno riscontri che non ti aspetti sia in positivo che in negativo.
Come mi ripete sempre mia madre emigrata dalla Francia alla Sicilia 40 anni fa ...tieni sempre duro e non mollare , non darla vinta a nessuno!!!!
Ciao.

Laura ha detto...

Grazie per il bellissimo post Bruna, sei molto brava a scrivere!!! E ovviamente in bocca al lupo per il futuro ;)

Vorrei adesso chiedere un favore a tutti quelli tra voi che abitano a Toronto: ho l'opportunità di fare un internato all'estero ad agosto dato che sono all'ultimo anno di fisioterapia, e ho mandato la mia richiesta all'università di Toronto. Ho cominciato a mandare i vari documenti e sembra che per ora vada tutto bene (evviva!!), però tra le altre cose devo mandare alla responsabile una lista di tre municipalità della città nelle quali vorrei andare. Visto che non ho la più pallida idea di come/dove siano, potrei avere un aiutino da voi? Grazie mille!!
Le municipalità nella lista sono:
Don Mills
Downsville
Etobicoke
Scarborough
Weston
Willowdale
North York

mush ha detto...

per aspera ad astra.
saluti da Vancouver.

bruna ha detto...

Grazie Ragazzi.
Rispondo a Laura per quello che so:
North York e` al nord ti Toronto, 20 min in metro da downtown. Don Mills, sono 20-30 min di bus dalla stazione di Pape Subway St.Per arrivare a Pape ci metti 10 min dal centro in subway.
Scarborogh e` al est della citta. Dal centro sono quasi 30 min in metro.
Il resto penso che e` fuori citta`.
Spero di essere stata di aiuto.

Simona ha detto...

@Laura io suggerirei North York, Willowdale ed Etobicoke.
Scarborough non e' una zona raccomandabile, alto tasso di criminalita' so far. Willowdale e North York sono entrambe vicine, uptown come diceva Bruna, Willowdale soprattutto e' una bella zona molto residenziale. North York troppo grande per dire com'e', some ok some other not at all.
Downsville non ho idea...sei sicura non sia Downsview? Te la sconsiglio...troppo vicina a Vaughan :-P, anche se fornita di un ottimo centro commerciale.
Etobicoke e' la periferia West di Toronto molto graziosa e accessibile da downtown very easily.
Weston e' North-West, in mezzo al nulla per chi non ha la macchina ed...ancora, troppo vicina a Woodbridge/Vaughan!!
Cosa ho scordato? Don Mills? Well e' una strada cosi' lunga che dipende da dove capiti. puoi essere sulla DVP o in mezzo ai super villoni di Bayview e Sheppard...io non la trovo una zona da vivere ...a piedi either!
In bocca al lupo e keep me posted ;)
p.s. Si accettano ulteriori pareri da residenti :)

Stefano ha detto...

Ciao Bruna, volevo farti i complimenti per il coraggio che hai avuto nell'emigrare, credo che non è mai una cosa semplice. Ormai è un anno che ho il Canada in testa, vorrei tanto andarmene dall'Italia. Potrei contattarti in privato per farti qualche domanda? Grazie mille.

Laura ha detto...

Grazie a Bruna e Simona per le risposte!! Ieri mi sentivo un po' spiazzata perchè non sono mai stata a Toronto, nessun altro dei miei compagni pensa di fare l'internato e la mia coordinatrice ha detto che fin'ora nessuno è mai riuscito a farlo.

Comunque il posto dove abitare lo sceglierò io, loro mi diranno in quale ospedale (non so se collaborino anche con cliniche private, ma nella mia università facciamo tirocinio solo in ospedali...non ho idea di come funzioni in nord america) farò il tirocinio.

Allora Downsville era sbagliato!! E io che lo cercavo inutilmente su google come un'idiota, haha

La cosa negativa di Vaughan è che ci sono troppi italiani? Beh pensa che la responsabile di Toronto ha entrambi i genitori italiani e parla italiano...naturalmente la mia università non traduce in inglese quasi nessun documento quindi devo mandare tutto in italiano per ora.

Simona ha detto...

Laura allora in bocca al lupo per il tuo internato ;)
Piccola precisazione: qui non ci sono cliniche private, il settore sanitario e' tutto gestito dal Governo...viene spontaneo chiedersi come mai faccia acqua da tutte le parti?!!

Laura ha detto...

giusto Simona, mi ero dimenticata!!
comunque la mia coordinatrice mi ha appena mandato una mail dicendomi che la documentazione che le avevo chiesto è pronta e la potrò avere sabato, evviva!!

Alessandro ha detto...

Bruna, che emozione! Siamo "nati" insieme in questo blog e ricordo i fremiti, aspettative, paure dei mesi che hanno preceduto la partenza. Per poi avere altri tipi di fremiti, aspettative e paure anche qua, ovviamente di natura diversa. Direi "costruttive" e non devastanti, come quelle che avevo in italia.
Per aggiungere qualche cosa a cio`che ha scritto Simona vorrei dire che, da abitante di Woodbridge ("frazione" di Vaughan), non mi sneto di vivere in un`enclave italiana. Da un lato qualche mese fa era impressionante vedere per strada i cartelli dei candidati alle elezioni per il consiglio comunale e regionale: era un prato di cognomi inequivocabilmente italiani. Persino chi aveva un cognome piu`anglofono era in realta`sposato con italiani. Dallàltro pero` devo descrivere la nostra realta`di quartiere. I vicini di casa di Lorenzo si chiamano Christopher e Daniel (italiani), Addish, Anniket e Suria (pakistani), Yada, Zac, e Yshmaia (giamaicani), Valentina e Sofia (colombiani), Ethan (messicano). Accanto a me abita una famiglia di venezuelani, di fronte sono portoghesi e inglesi. Tutto questo in una strada. A scuola Lorenzo e`lùnico italiano, perche`non lo abbiamo iscritto in quella cattolica. Infine, se si frequenta il Club degli amici dei carabinieri, o dei nostalgici del cannolo aumenteranno le probabilita`di incontrare conterranei. Ovviamente non evito gli italiani, ma, anche a noi, vivendo in una nazione multiculturale, sembra senza senso frequentare solo italiani. E anche a Vaughan si puo`fare. Detto questo, da single o con un partner senza figli, non avrei alcun dubbio a scegliere come residenza il posto piu`vicino a Downtown o, comunque, raggiungibile con i mezzi pubblici. Intanto gioiamo con Laura che ha dentro un migliaio di emozioni tutte bellissime. Sai gia`quando verrai?

Laura ha detto...

Il tirocinio è ad agosto ^^
Spero davvero di essere accettata perchè (se ho capito bene) questo tirocinio semplificherebbe un po' di cose per il riconoscimento della laurea. E poi avrei l'opportunità di conoscere un po' la fisioterapia canadese senza dover fare l'equipollenza della laurea + eventuali esami in più + tirocinio canadese + esame nazionale + richiesta di residenza permanente.

Salvo ha detto...

Ale se esiste un gruppo di nostalgici del cannolo appena torno mi ci iscrivo subito!!! inoltre sarebbe necessario fondare anche quello dei sostenitori della ricotta salata, tu che ne dici??

Anonimo ha detto...

Quando arrivai negli USA (piu' di 5 anni fa......), per due settimane non toccai le valige: ero pronto a tornarmene.
Solo soletto, in una terra ignota: quanta paura e nostalgia.
3 anni dopo, mi svegliai nel cuore della notte per colpa di un incubo: mi dovevo trasferire in Italia, ed io non volevo.
Come si cambia ;) :)

Torno di rado in Italia, ed ogni volta mi sento finalmente a casa quando atterro a Toronto.

Enzo

Simona ha detto...

@Laura: e' una grande opportunita' che ti si sta offrendo! Incrociamo le dita per te ;)
@Salvuccio: perdona la mia ignoranza in materia - ma a me nessuno mi ha mai parlato della ricotta dolce come'e' possibile!!!?
@Enzo: cos'e' che hai trovato qui in Canada che non avevi in US? A parte Tim Horton's ovvio...ma i Boston cream ci stanno anche li' :)

Salvo ha detto...

Simo!! La ricotta salata alla quale mi riferisco io è la ricotta fresca trattata con molto più sale e passata al forno e successivamente asciugata naturalmente. Per quanto riguarda la dolce, non viene utilizzato il sale nella realizzazione o cmq utilizzato in scarsissime quantità per evitare di essere percepito al gusto (hai mangiato un cannolo sapido?); inoltre ci sono anche delle differenze tra la ricotta ovina, vaccina e caprina, ma il discorso diventa un pò complicato.......

Lucia ha detto...

per ale : è che a me piace guardare gli altri da un'alta stanza ...voyeurisme??? mi trovavo bene di là e questo post è più impegnativo. ma mi butto. quello che non mi aspettavo del primo anno di bruna è il racconto dei primi mesi difficili dei pianti dell'incertezza dei dubbi, della scelta volontaria e quasi autoimposta di non pensare più al passato. credevo di essere la sola imbecille sul suolo canadese che, arrivando dall'italia, non fosse pronta ad abbracciare il nuovo stupefacente mondo pieno di cose perfette e migliori, credevo di essere la sola ad avere dubbi e ripensamenti ad avere la sensazione di aver fatto una scelta così importante con troppa leggerezza. per me ancora non è arrivato il giorno dello specchio, ancora non riesco a parlargli e se mi dice che biancaneve è ancora viva???? cosa faccio???
io non sono una che ha sufficiente forza di volontà per mettere una pietra sopra al passato e dire ho fatto una scelta e la devo portare fino in fondo costi quel che costi; io devo essere convinta ogni giorno di quello che faccio e devo essere convinta che quello che ho fatto il giorno prima fosse la cosa migliore da fare. spero che anche per me un giorno arrivi la soddisfazione di simona, il convincimento e la determinazione raggiunta da bruna dopo la sua vacanza in italia perchè credo che se così non sarà forse ho fatto male qualche conto.
per quello mi abbeveravo con tanto ardore alla fonte Carmela ma si è prosciugata...
ma mi si vuole commentare l'ira funesta di maroni al monologo di saviano?
come la vediamo questa lega così legata alle poltrone? pensavo che il diritto di replica spettasse all'ndrangheta non al ministro!!! si sente tirato in causa??' como mai??? campagna elettorale alle porte? bussa bussa...

Simona ha detto...

@Lucia: i momenti difficili credo ci siano per ogni immigrato, in tutti i paesi del mondo. Ognuno ovvio ha un modo diverso di affrontarli e molto probabilmente l'avere qualcuno accanto che ti ama puo' darti la forza in piu' che ti serve...ma non cosi' tanto come si pensa.
Sono d'accordo con te sul fatto che non ci si deve imporre di star bene ma bisogna sentirlo e solitamente questo tipo di scelta e' volontaria. Il caso di Bruna e' un po' diverso, lei non e' qui per il Canada (che non aveva mai visto prima di emigrare), ma per amore, un fine piu' che nobile ma cieco.
@Ale: commenta Maroni e la campagna elettorale e ti fulmino tutte le lampadine decorative di casa.

Alessandro ha detto...

Simona, non ho ancora luci decorative, ma non ti rovinero' anche il post di Bruna. Lucia ne riparliamo domani, a mente fresca. Adesso dormo. Apro le stanze prima!

Anonimo ha detto...

Simona: I salmoni giganti da pescare :), oltre che ad una vita molto piu' rilassata

Enzo

Simona ha detto...

Enzo non mi vorrai che dire che il Canada ha qualcosa di piu' grande degli Stati Uniti??!! E che mi dici del famoso Salmone dell'Oregon!? :)

Davide ha detto...

@Lucia,
di sicuro non sei pazza , è giusto avere dubbi e timori . Sono questi dubbi e timori che ti permettono anche di metterti in discussione , di guardarti dentro a 360 gradi , ma non necessariamente devi/trovi le risposte a tutto . Forse è proprio il chiedersi continuamente se facciamo bene o male , se abbiamo preso la decisione giusta che ci lascia sempre sul filo del rasoio . Per un genitore , e per una madre in particolare , i timori non riguardano mai solo se stessa , ma principalmente anche il bene ed il futuro dei figli . E' più che normale che ad ogni soffio di vento ci si senta persi e si pensi. Sai bene come la pensiamo io e mia moglie , ma questo non vuol dire che non ci fermiano a pensare , magari hai una giornata "meno bella" della precedente ed il solo non capire determinati modi di vivere ti scombussola ...come i centri commerciali chiudono alle 17 il sabato e domenica!!!! E' inconcepibile . Qui non ci vuole molto a capire che non è tutto perfetto e stupendo , è solo meno peggio . E' anche vero che tutti quelli con cui parlo ed hanno vissuto o lavorato a Mtl dicono che li sono tutti pazzi e che Qc è 1000 volte migliore , ma la stessa cosa potrebbero dirla quelli di Mtl su Qc .Un bel respiro ed avanti con la grinta della leonessa alla quale vogliono portare via i cuccioli .
Un abbraccio a tutta la famiglia e venite nella bella Qc , vi aspettiamo .

....vuoi dire che blanche-neige è morta??? Adesso dimmi anche che non esiste Perè noel ....

Alessandro ha detto...

Propongo una democratica censura a tutti i coloro i quali, in questo blog, usano anche una sola parola in francese. Cosa e'? Vi sentite piu' chic? Davide, Simona2 e Fransua', mi rivolgo a voi. Dovete ancora sottolineare per forza che state nella parte francofona del Canada? Dovete ancora lamentarvi perche' il Canda prima era francese e gli inglesi sono arrivati dopo a scipparvelo? Volte ulteriori privilegi da noi laboriosi cittadini dell'Ontario? Avanti, lasciatemi alzare la voce almeno voi e fatemi sfogare. Consentitemi, almeno per pochi minuti, di sentirmi parte della maggioranza caciarona ed arrogante. Ormai da qualche anno non riesco piu' a comandare, supervisionare o manageriare nessuno! A casa non ci sono mai riuscito con Claudia, ma al lavoro avevo una posizione che mi consentiva, seppure immeritatamente, di dire l'ultima parola e di imporre la mia volonta'.Adesso a casa conto meno del vaso inutile che ci ostiniamo a tenere sul mobile messicano. Persino Maia e Lorenzo fingono di essere assorti quando chiedo loro di prendermi il telecomando senza farmi alzare dal divano.Al lavoro non ne parliamo!Sono meno considerato dell`addetto allo svuotamento setimanale del frigorifero. E quindi vi posso sgridare un po`?Non posso nemmeno sfogarmi allo stadio: sia perche` qua non si usa, ma soprattutto per il costo dei biglietti piu`vicini al campo (nonostante i buoni sconto di Simona). A proposito, Fransua`e altre famiglie: qui il prossimo aprile torna il musical del Re Leone, imperdibile; dal 26 novembre si possono compare i biglietti.
Ecchediavolo (riprendo il discorso). Simona, per favore, usa il tuo potere e le tue cesoie. NOn se ne puo`piu`. Se non stai attenta questi ti riempiono il blog con bandiere blu col fiore bianco. Tornatevene in Provenza, mangiarane!

Simona ha detto...

@Lucia: l'amico Cammelo ha risposto, con l'assoluta obiettivita' che lo contraddistingue, nell'altra...stanza :)
@Ale: miiii avete persino un addetto allo svuotamento del frigo?! Qui ci sarebbe lo statuto che prevede lo svuotamento del frigo, fatto da chi ne usufruisce, ma puntualmente e' pieno di roba, gente ci lascia l'intera spesa con tutte le buste!

Anonimo ha detto...

Simona: i salmoni piu' grandi li pescano in Canada :)

In Oregon ci vai te :D

Simona ha detto...

Enzo ovvio che scherzavo! Come immagino anche te che basi una scelta di vita sulla dimensione dei salmoni!! E cmq: ma ci sono davvero i salmoni in Oregon?! Io dicevo uno stato cosi' per dirne uno... :)

Alessandro ha detto...

Per qualche ora mi ero convinto che sapessi aprlare anche dei salmoni dell'Oregon!

Simona ha detto...

Si' Ale: a quanto pare sono piu' piccoli! :)

Alessandro ha detto...

Mi era sempre stato detto che le dimensioni non sono importanti!

Lucia ha detto...

ciao carmelo
porco cane ma mi fai arrabbiare davvero.
alla fine del tuo commento mi chiedi il motivo che mi spinge a trasferirmi, prestodetto: la speranza di trovare un paese più coerente dell'italia.
per me il punto è esattamente quello di paragonare il canada con l'italia. se decido di "emigrare in canada" è perchè cerco per me e per la mia famiglia qualcosa di meglio rispetto a quello che sto vivendo altrimenti fatica rischio e difficoltà non ha alcun senso affrontarli.
questo crea un circolo vizioso che temo ci impedisca di comunicare in modo costruttivo.
senza alcun dubbio conosci molto bene il canada e per questo mi interessano il tuo parare e le tue informazioni; nessuno però sostiene che il canada sia un paese senza macchia. se conosci un paese perfetto ti prego di darmene le coordinate.
io non conosco abbastanza bene il canada da poter mettere in dubbio o controbattere alle tue affermazioni; del resto non essere così certo di poter circolare in italia in vespa pantaloni corti e sandali.
temo il nostro sia diventato uno sterile dialogo fra sordi.
un grande abbraccio.

Alessandro ha detto...

Lucia, cortesemente, se devi fare paragoni potresti farli con la Rodesia o Zimbabwe, che dir si voglia? Oggi e' tornato il freschetto. Ma non c'e' verso di mettere i bei maglioni pesanti, dato che poi dentro c'e' caldissimo. Allora maglioncino leggerop e giubottone. IO ho portato dall'Italia un eskimo (non innocente, ne' dettato solo dalla poverta': prego notare la citazione) che mi tiene molto caldo menter aspetto la metro (la mia fermata e' quasi all'aperto) e poi il tram. E' una parte della giornata che mi piace. Noi scendiamo tutti insieme in macchina.I bimbi a scuola e io e Claudia andiamo verso Yorkdale: io scendo e prendo la metro, lei prosegue per il suo posto di lavoro. Allora, dopo aver sentito lo stereo in auto (Q107, vecchi successi rock degli anni 70,80 e 90)mmetto le cufiette del lettore mp3 e parte la mia compilation di un migliaio di canzoni: Springsteen, il primo Pino Daniele, il primo Dalla, Caparezza, MOdena City Ramblers, B.B.King, Eagles, Supertramp, tiromancino, Michael Bubble, Rino Gaetano, Roy Paci, Tinturia,ACDC, Duran Duran, DeAndre', Giuliano Palma. Questo mp3 e' stato preparato in vista delle 10 ore d'aereo che avrebbero dovuto affrontare i bambini venendo qua. E quindi ogni tanto mi tocca sorbire Zecchino d'oro, Re Leone. Ci sono anche le registrazioni della voce di Lorenzo quando era piccolo. Ma devo subbito saltarle, altrimenti mi metto a piangere o a ridere in metro. E in Canada non e`polite! Menter invece in Italia puoi gridare quanto vuoi e nessuno ti disturba. In Rodesia o Zimbabwe, che dir si voglia, non lo so.

Anonimo ha detto...

Simona

ovviamente i salmoni non sono in vetta ai motivi per i quali mi piace vivere a Toronto.
Ci sono anche:

1) Tanto outdoor fuori dalla porta di casa: a te potra' fregar de meno :D, ma e' una delle cose che mi fanno vivere felice: Outdoor :)

2) Tanti pesci grandi da pescare fuori dalla porta di casa (niente doppi sensi, mi raccomando ;) ): a te potra' fregar de meno :D, ma e' una delle cose che mi fanno vivere felice: la pesca :) (PS - forse non lo sai, ma i testa ai sogni piscatori italiani c'e' il Canada: conoscendo parecchi pescatori semi-professionisti e guide, ti garantisco che tantissimi italiani vengono in Ontario ogni anno solo ed esclusivamente per pescare)

3) citta' tranquilla da vivere, con tante attivita' (musica, teatro, cinema, musei): a te potra' fregar de meno :D, ma e' una delle cose che mi fanno vivere felice: musei, musica, teatro :)

4) si mangia bene, con tanta varieta', che per uno come me appassionato di cucina multietnica e con una famiglia multietnica, e' fantastico: a te potra' fregar de meno :D, ma e' una delle cose che mi fanno vivere felice: la cucina multietnica :)

5) dell'archeologia ne ho piene le palle, avendoci vissuto per quasi 30 anni: a me interessa la storia naturale, e qui ce n'e'in quantita' industriale: Simona
a te potra' fregar de meno :D, ma e' una delle cose che mi fanno vivere felice: gli studi di storia naturale :) (pensa che passo il tempo a fare birdwatching o a tracciare gli animali selvatici nei parchi...e in citta'!)

6) le quattro stagioni: estate solare ma non troppo calda (che odio), autunno piovoso (ma con tanti salmoni che io pesco:D :D :D), inverno nevoso (che io adoro), primavera fresca e piovosa (ma con tante steelhead che io pesco :D :D :D): Simona
a te potra' fregar de meno :D, ma e' una delle cose che mi fanno vivere felice: le quattro stagioni e la neve d'inverno, e niente caldo d'estate!

Mi fermo qui: per ognuno di questi punti, o per tutti assieme, i nostalgici dell'Italia potranno sicuramente dire " ma anche in Italia puoi fare questo, c'e' questo e quello" :D.
Lo so, ma dal profondo del mio cuore esce spontaneo "e a me non me ne frega un c.... :D " (scusate la volgarita'). :D
Io sto bene qui, punto: perche' devo giustificarmi? Io ho smesso di fare paragoni con l'Italia da anni, come non li faccio col Giappone o con gli USA o con la Scozia. :D

MI sbaglio? Pazienza: la perfezione non fa per me :D

Enzo

Simona ha detto...

Enzo, prescindendo dal fatto che non me ne puo' fregar de meno :D qui nessuno ti chiede di giustificarti! Sarebbe un paradosso per me, come per Ale, Francesco o Bruna, immigrati recenti (notare la precisazione), che abbiamo piu' o meno i tuoi stessi motivi...well a pensarci bene i miei motivi sono molto diversi...ma condivido la parte delle 4 stagioni.
Ma mica vivi a Vaughan dove gli italiani di 7 generazioni fa ancora ti chiedono per quale folle ed arcano motivo hai deciso di lasciare l'Italia e venire in questo freddo ed arido paese?

Simona ha detto...

@Davide: una domanda sciocca...ma quel cagnolino carino con le orecchie grandi che si vede dalla foto e' tuo? Ed e' quebecchese o e' made in Italy? :)

Anonimo ha detto...

A Vaughan vado solo per fare acquisti a Bass Pro Shop :D

Simona ha detto...

Enzo mo anche le sogliole non solo i salmoni!!? :D

Alessandro ha detto...

Ora cominciamo con la polemica su Vaughan. Che? Ci puzzano le ascelle a noi Vaughanesi? Fate gli snob? Allroa sappiate che Vaughan e' la citta' sopra Toronto, come recita il suo motto. Di conseguenza i Vaughanesi stanno sopra i Torontiani. Quindi, cercate di non sbagliare a parlare che cominciamo a starnutirvi di sopra, senza infilarci la faccia nell'incavo del braccio (Lucia mi spiace, ma solo chi vive qua puo' capire questa simpatica usanza)

Anonimo ha detto...

Simona: sogliole e Bass Pro Shop non vanno d'accordo! :D

Comunque capisco che non ti interessa la pesca....uhm...che ne dici della pesca ai Muskie (pronuncia: Maschi :D)

Ci sono diversi posti nel circondario :D

PS - non scherzo :D : i muskie esistono veramente, e sono divertentissimi da pescare

Simona ha detto...

@Ale: allora voi del Nord in Vaughan siete quelli snob! Che vi atteggiate nelle vostre casette perfette, con giardini immacolati e strade pulite perennemente deserte!
Qui c'e' la gente che lavora e vive in 600 SF!! Altro che piscine e BBQ!
@Enzo: si' caro sono molto interessata alla pesca dei Muskie :)
Mi potresti dire esattamente DOVE e' piu' ricca??!! :D

Anonimo ha detto...

Primo: noi non siamo nella parte francofona del Canada. Noi viviamo in Quebec, la cui lingua ufficiale è il Francese. Fino a qualche anno fa le insegne dei negozi dovevano riportare le parole in francese più grandi di quelle in inglese, poi abbiamo capito che gli inglesi non sono capaci di imparare una seconda lingua e abbiamo tolto tutte le scritte in inglese.

Davide ha detto...

@Simona
scrivo senza che mi veda mia moglie....quello è il pezzo di famiglia che abbiamo dovuto lasciare in Italia a malincuore ! Qui a Qc non sono molto tolleranti con i cani e riuscire a farli accettare in un condominio è durissima . Qui sono pochissimi i cani che senti abbaiare , li fanno operare alle corde vocali e gli tagliano le unghie . Alla faccia delle tante pubblicità sugli animali .

Simona ha detto...

Ah ma questa cosa del solo francese non l'aveva imposta anche il sindaco di Parigi un po' di anni fa? :)

Simona ha detto...

@Davide: mizzica avete dovuto lasciarlo in Italia??! Terribile...
Qui devo dire che ci sono tanti condomini pet-friendly, tipo il mio in cui la % degli animali e' piu' alta di quella delle persone! Da leggende del palazzo si dice che una volta e' scappato persino un pitone reale ad uno dei condomini!
Comunque finche' le unghie le tagliano soltanto e' ok, qui ai gatti le asportano quando ancora sono piccoli micini...

Davide ha detto...

@Simona
quello della foto è un bassotto ; quando lo facevamo lavare gli accorciavano le unghie ma , essendo troppo nascoste , succedeva che sanguinavano .
Come si può pensare di togliere le unghie ad un animale per il solo nostro gusto di avere un animale....non è un oggetto , e come tale deve essere trattato umanamente .

Alessandro ha detto...

Stu blog è troppo polemico, così come le noostre case vaughaniane sono veramente perfette, e i prati verdi e recisi all'unisono. Le strade invece sono piene di bambini che giocano a basket in estate, hockey non appena comincia la NHL. Sul francese parlato in Quebec mi si dice che sia molto sguaiato, tipo l'inglese parlato in texas o il cantonese parlato in Manciuria (?). Anonimo francesista, occhio alle insegne dei negozi che ve le righiamo tutte con la chiave del minivan

Anonimo ha detto...

...insomma se piacciono gli uccelli,ed i salmoni( e cmq i salmoni non sono veri ,sono gonfiati volutamnete x fare pubblicita' ,e gli uccelli non cantano x paura di essere arrestati x disturbo della quieta pubblica,magari gli sparano un paio di TASER...hahahahahh...allora qui vai benissimo...poi fra un paio di settimane arriva il grande freddo...-25...-35...e stai in casa chiuso fino a tutto aprile,a meno che non ami anche il freddo e vai in giro in canottiera....molto meglio con 2 o 3 cappotti....io ho un chiuachiau...non so neanche come cazzz si scrive...ma chi se ne frega,poverino va fuori x far pipi e rientra immediatamente,l'altro giorno mi ha detto...Papi,ma che cazzz mi hai fatto venire dal Mexico per farmi morire dal freddo in Canada,gli ho risposto non ti preoccupare ti porto al caldo di Palermo...e' gia' andato al Consolato x farsi il passaporto italiano.....era cosi felice il mio canuzzu...hahahahhah
ciao
carmelo

Anonimo ha detto...

x LUCIA
io ho ti ho chiesto il motivo per cui ti trasferisci,e non mi interessa.....ho detto che ognuno ha i propri motivi e sono ognuno diversi dagli altri....minchia mi sembri tu la SICULA ,e come ti incazzi...stai calma...in Canada e' vietato incazzari Art.103 dice "se vi incazzati fatevi un bagno freddo "....scherzo.
Perdonami se ti faccio venire dei dubbi,ma forse e' meglio cosi' almeno arrivi preparata...visto che hai dei figli....lo sai che per i primi 3 mesi non sei coperta dal sistema sanitario? il governo consiglia ( non io ) una assicurazione privata...circa $100 al mese a persona,cmq controlla in internet...fai sapere se hai altre domande....diciamo che conosco anche altri paesi dove sono stato x diversi motivi :
AUSTRALIA,USA,COSTA RICA,CILE,MEXICO,REP.DOMENICANA,SAINT MARTEEN,BAHAMAS,CINA,ISRAELE,EGITTO,RUSSIA,UKRAINA,ROMANIA,UNGHERIA,MOLDOVA,AUSTRIA,BELGIO,SVIZZERA,GERMANIA,ENGLAND,IRELAND,HOLLAND,LICHIESTAIN,LUSSEBURGO,MALTA...ED ALTRI ...NON RICORDO...O SCUSAMI...ANCHE A CARINI,PARTINICO,CEFALU,....CATANZARO,GENOVA,TORINO,MILANO,VICENZA...BARI,NAPOLI,ROMA...
CIAO
CARMELO
FAI SAPERE QUANDO ARRIVI,TI FACCIO TROVARE LA FANFARA DELL'ESERCITO ITALIANO...SCUSA CANADESE...
A PRESTO

Alessandro ha detto...

Io vorrei ignorarti, e per un po' l'ho fatto. Ma penso che tu sia come quei serial killer che lasciano segnali perche' in fondo vogliono essere arrestati. secondo me tu fai lo stesso e continui a trapanare per essere mandato affanculo in mala maniera. Ma io non cadro' in questa tentazione; semplicemente ti consiglio, da conterraneo e forse concittadino, di tornare a Palermo e rimanerci piu' a lungo possibile, magari per sempre. E, bada bene, non e' un invito ad andare affanculo, e' proprio un consiglio amicale. Cosi' eviti taser, freddo, cattiva cucina e via stereotipando. Ritengo stupefacente che tu, multiculturale ed esperto come dici di essere, non susciti ilarita' quando precisi che stai scherzando. E non fai nemmeno da voce critica per bilanciare il nostro entusiamo, motivato o non che sia; fai semplicemte terrorismo e bordello. Non hai alcun rispetto per chi legge questo blog con le mille paure e indecisioni di chi sta cercando di prendere la decisione migliore per il futuro proprio e delle persone amate. E ti e` stato chiesto ripetutamente. Questa e`ovviamente solo la mia sindacalissima opinione, ma me l`hai veramente scippata dalla bocca. Per fortuna Toronto e GTA e`grande, perche` non vorrei mai incontare persone come te. Simona mi scuso per questo commento, ma mi sono un po` scocciato. Ti autorizzo a cancellarlo se lo ritieni inadatto allo spirito del blog. Buon uicchend a tutti

Simona ha detto...

Mizzica i salmoni non sono veri sono geneticamente modificati!!?? Non dirlo ad Enzo altrimenti finisce che se ne va a vivere in Oregon!

Simona ha detto...

@Davide: hai ragione questa cosa delle unghie mi ha sempre lasciata un po' interdetta, per prima mia cognata lo ha fatto con i suoi 2 gatti e considera che vivono parte della giornata fuori, nonostante non ci siano gatti randagi qui in Canada, l'idea di un felino che se na va in giro senza le unghie e' davvero triste :(

Salvo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=jlfwCGgyt_U&feature=related

questo video lo dedico al cattivo compagno alessandro e a tutti coloro che nonostante tutto amano la mia Sicilia bedda....

Simona ha detto...

Carmelo condivido cio' che dice Ale, siamo qui per scambiare esperienze, opinioni. Ci interessa il punto di vista di chi, prima di noi, ha iniziato una nuova vita in Canada, ma che sia costruttivo e non dettato da un profondo odio verso un paese che consideri la causa del tuo distacco dalla tua amata Palermo!
Si mette sulla bilancia la vita di tutti i giorni e' ovvio, altrimenti come ci si ripete a se stessi che questa e' stata la scelta giusta? E non e' un paragone con l'Italia perche' Italia, e' un paragone con le sofferenze che per ognuno di noi hanno trovato sfocio in una scelta coraggiosa e difficilissima: l'emigrare.
Credi che a me non manchino i cornetti caldi crema-amarena, le estati a casa dei miei al mare, tutta la mia famiglia? E' ovvio, ma ho coscienza del fatto che qui il mio futuro puo' essere migliore, anche senza il cornetto caldo di prima mattina!

Anonimo ha detto...

Sto bene chiuso in casa a -25 e -35: fortunatamente amo la mia famiglia, e stare assieme per piu' tempo durante l'inverno e' piacevole.
Comunque lo stesso esco a -30 per i boschi :D : il freddo mi piace, cose che capitano :)

PS - non so se sparano i taser agli uccelli, ma qui quando i rapaci passano lungo Point Pelee (o High Park) centinaia di persone munite di binocoli li osservano con passione.
In Sicilia il passo dei rapaci e' accolto con le doppiette: e' tradizione, dicono.

Per i salmoni gonfiati: non direi...comunque meglio dei pesci malformati della Rada di Augusta, che immagino siano stati riportati con attenzione dai Media Italiani....o no? :D

Anonimo ha detto...

Caro Alessandro,
nel ringraziarti per il tuo commento ,diciamo poco ortodosso nei contenuti e nella forma,ti inviterei a usare toni da persona piu' civile ,quale sei ,anche se... gia' in un'altra occasione hai dimostrato il contrario.Qui in Canada ,non accettiamo minacce ....e tan poco la preoccupazione e l'augurio di incontrarmi....altrimenti?
Se ti vuoi veramente integrare nella societa' canadese ,devi imparare ad ascoltare ,non solo la musica...ma le persone!
Se chiedi a Simona di cancellarmi da questo Blog,io non ho problemi in quanto non ho offeso o minacciato nessuno,contrariamente a te,lo hai anche fatto con l'altro ragazzo ,minacciandolo che gli stampi il simbolo di HO Chimin..credo..sulla fronte....quindi datti una bella calmata, questo e' il mio consiglio ,e non come fai tu a colpi di vaffanculo ....e non usare certi termini....ma come scappi dalla Sicilia ,dall'Italia e poi usi gli stessi toni....non ti devi contraddire , e se sei arrabbiato o cerchi una tua identita' , sfoga pure anche contro di me,sono abituato ad ascoltare le persone ,quelle educate ....
Vedo che usi termini come Terrorismo,sabotaggio...ect...forse termini a te noti,ma che non fanno parte del mio repertorio culturale,e che francamente non usere mai ,o sarei molto cauto ad usarli...anche in virtu' dei tempi in cui viviamo.
E cmq sappi che in una Democrazia ,si ascoltano sempre le 2 parti,e non e' che zittendo una parte che si ha ragione.
un caro saluto a tutti Voi
Carmelo

P.S. come avevo gia' detto una volta non scrivero' piu',ma poi Lucia ha manifestato il desiderio di vedermi scrivere...ed allora mi son fatto trascinare dalla tentazione....sono umano..
cmq caro alessandro ,d'ora in poi ...puoi scrivere tutto quello che ti pare cosi' tu scrivi,tu ti leggi e tu ti commenti...nessuno dira' nulla contro....meglio di cosi...

Anonimo ha detto...

X Simona
io non odio il Canada ,e non travisare queelo che scrivo.Io parlo delle cose che succedono.Io sto bene qui,ma questo non significa che non posso commentare quello che succede QUI,o le cose che avvengono tutti i giorni!
e poi sulla natura stavo scherzando.....forse...
Carmelo

Simona ha detto...

Allora Carmelo qui nessuno ha mandato a quel paese nessuno (preferisco evitare la parola vaffanculo perche' decisamente fuori dal mio bagaglio lessicale). Per scambiarsi parolacce e critiche vicendevolmente c'e' gia' il sito di italians.
Carmelo parlando di democrazia bisogna anche saper accettare i toni sarcastici di chi scrive. Io non leggo minacce ma solo ironie, nessuno ti ha chiesto di smettere di dire cio' che pensi, ma ovvio non devi farlo neanche te con noi!

Davide ha detto...

Cosa ne pensate dell'Usain Bolt del cubo di Rubik ? Mentre ho scritto la frase il ragazzino ha risolto il cubo !
E del goal annullato a Platini contro l'Argentinos Jr nel 1995 con l'indimenticabile protesta da parte di Michel e conseguente dormita sul prato ? Bella quella partita , me la ricordo molto bene , così come la sua protesta .
Oppure della possibile calvizia di Naomi Campbell .
Ed in fine per chi non fosse aggiornato lo zingaro/mercenario che continua a segnare e porta il Milan sempre più lontano ?
Secondo me sono notizie più interessanti e costruttive che le lagne scrivo non scrivo , state a casa che qui fa tutto schifo ecc.
Queste sono notizie interessanti , le lagne le trovo dove voglio googleando di qua e di la , gente incazzata perchè poverina viene qui senza visto lavoro e pretende di lavorare in nero , gente incazzata perchè crede che basti chiedere in un forum di trovargli un datore di lavoro per farsi sponsorizzare il visto , gente incazzata perchè parlano tutti inglese o tutti francese....minchia ( scusate il francesismo) parliamo di altre cose , vi prego .
Si è trasformato un iniziale bellissimo messaggio/racconto di Bruna nella solita bagarre che si legge sugli altri capitoli .
Il tema iniziale era degno di riflessioni , possiamo tornare in argomento ? Grazie .
Impressioni dopo un anno in Canada , che dir si voglia Ontario o la più bella Québec , senza scendere nel banale , ma la vita è così diversa da quella che si faceva in Italia , oltre ai canoli siciliani , che non mangiando ricotta non amo , cosa veramente manca e ci manca .
E' proibito dire il bidet !!!!
Da diversi Italiani ho sentito la frase " la vita sociale" !!!

Alessandro ha detto...

A me mancano i miei, le mie sorelle, i miei cognati, i miei nipoti. E le macchine che avevo, che consumavano da 2 a 3 volte meno di quelle che ho adesso. E la moto che ho dovuto vendere.
Bruna e Simona, mi scuso con voi per il mio uso "protestante" di questo post; non sono proprio riuscito a farne a meno. Scusate Lucia, Davide e Fransua' se ho contribuito a farvi sentire a disagio, ma mi sono convinto di dover esplicitare anche un vostro presunto disagio. Salvo, non ti tatuerei mai Ho Chi Minh sulla fronte, perche' basta che ti allunghi la frangetta e lo nascondi, ne' sulla guancia che ti basta far crescere la barba. Mi resta il nasino, ma Ho Chi Minh non c`entrerebbe. Accontentati di falce e mattarello. Baci

renato ha detto...

Inoltre Simona si sta diffondendo la moda di commentare non l'ultimo post, ma quello precedente. Succede anche nella tua versione quebecchese, lo faccio anch'io... ma è un casino starci dietro!
Davide, sagge parole. Si vede che stai a Québec. Il goal di Platini era dell'85, vero? Maaa... non sarai mica juventino??
Oddio! No! Ora si scatena la polemica calcistica! Simona non volevo!!

Simona ha detto...

Ciao Renato, hai ragione...per ogni post rimane sempre uno strascico! :)
Per i commenti sul calcio va bene, dopo la figura fatta ai mondiali si capisce che si commenta tanto per ridere!! :)

Davide ha detto...

Per rispondermi da solo....ma sempre si fa per ridere , mi manca la colazione nel bar sotto casa , le chiacchere leggendo il giornale , i commenti sulle vicende cittadine , il negozietto sotto casa dove andavi ogni volta a prendre quello che ti mancava , la partitella di pallone con gli amici.
Certo tutto con il tempo si sostituisce , le abitudini cambiano , ma trovare un bar che al mattino ti dia pizza o focaccia con un buon caffe italiano è durissima .

bruna ha detto...

Ciao Ragazzi,
vi leggo e vedo che questo blog sta prendendo un`altra visione. Ricordatevi solo che siamo qui a scrivere per condividere la nostra esperienza qui in canada in maniera pacifica e senza alterare i toni.
In bocca a lupo a Lucia per questa nuova aventura.

Simona ha detto...

Allora visto il subliminale messaggio che gli ultimi commenti mi hanno manifestato in questi giorni pensavo di creare un nuovo post, questa volta interattivo. Datemi 5 cose che qui vi mancano e 5 che sognavate di avere ed avete qui in Canada. Potete farlo tramite commento o anche tramite email. Io come sempre....vi daro' il la con i miei 5....ecco il titolo l'ho appena cogitato: Gimme Five!!! :)

Francesco ha detto...

6 (una é falsa) cose che mi mancano:
bidet, mare (a volte con la medesima funzione), prezzi con le tasse incluse, medico di famiglia e pediatra, tfr, criminalita`organizzata di alto livello.
6 cose (una é falsa) che sognavo di avere e che ho in Canada:
scuola elementare di cui andare orgoglioso, lavoro in crescita,
polizia per strada (mi piace il manganello nel senso di autorita`...), accessibilita`ai servizi, rapporti interpersonali rispettosi, informazione (faziosa, populista e filogovernativa), criminalita`organizzata di basso livello.

Davide ha detto...

Cosa mi manca nell'immediato : il vino a buon prezzo , convengo con il prezzo finito non sai mai cosa spendi...le tax le paghiamo noi , ti faccio lo sconto del 25% , paghi te tax ma non paghi la livraison ( dicasi consegna a domicilio per gli anglofoni ) il calcio vero , cenare nei ristoranti a prezzi accessibili ed uscirne soddisfatti , il negozietto sotto casa , il tabacchino , il bar , il giornalaio , qui è tutto grande , anche il piccolo . Ovviamente non cito il bidet , tanto banale quanto fondamentale .
Cosa sognavo ed ho trovato : in primis avere il tempo di giocare con i miei figli , le passeggiate , persone "vere" , percezione della sicurezza , neve...neve...neve e neve

Romina ha detto...

Che voglia di tornare.....spero di venire lì per la prossima estate!!!! MA Davide scusa cosa significa la voce sui ristoranti?= Nella mia esperienza è addirittura il contrario..paghi il giusto e te portano tanto da fare anche il Doggybag!!!! Come la Mandarin, al Sweet Chalet o al Baton Rouge.
Prossimo mese mando tutto a Roma!!!! Incrociamo le dita!!!!!! Un bacio a tutti voi Romina

Simona ha detto...

Ciao Romina ho ri-postato le scelte dei 5+5 sul nuovo post se vuoi dargli un'occhiata ;)
Per l'appunto di Davide sui ristoranti immagino si riferisse alla qualita' del cibo e non alla quantita'!

Davide ha detto...

@Romina e @Simona
si , mi riferivo al rapporto qualità prezzo , potre anche pagare volentieri una buona pasta 18/20 $ , ma almeno che sappia di qualcosa , devo sempre aggiungere tutto quello che trovo , pepe , sale , peperoncino , formaggio , se necessario .
I sughi sono sempre speziati ...ma un sughetto di pomodoro semplice semplice con una foglia di basilico sopra è troppo ???
Poi ti chiedono , tutto bene e tu sorridente rispondi certooooo .
Solo una volta ho detto ad un saint-hubert che la metà delle cose era fredda ; molto correttamente mi ha levato quello che non era corretto .

amanda ha detto...

io avrei una domanda..siamo da 7 mesi dopo l'arrivo di Flavia la nostra piccola,una famiglia formata per l'appunto da 3 menbri,stufi ma veramente stufi della vita da pedine dello stato che si fa ormai da anni qui in Italia. la nostra formazione è discreta siamo tutti e due ( io e mio marito) diplomati,ma dopo il consegiumento di esso,abbiamo sempre lavorato come liberi professionisti,gestendo attività commerciali quali pub, o negozio d'abbigliamento. quello che ci stavamo chiedendo è se anche non avendo un buon curriculum di studio potremmo trovare cmq una buona occupazione,e a seguire una buona retribuzione.
non avendo troppo soldi da parte la nostra intenzione è quella di lavorare come dipendenti.
ci potete dare una risposta???? vogliamo raggiungerviiiiiigrazie Amanda

Simona ha detto...

Ciao Amanda, il problema di trovare lavoro o re-inventarsi in un modo o nell'altro non credo sia molto sentito qui in Canada, certo non tanto quanto si pensa ovvio, le difficolta' ci sono ma ci si arrangia piu' facilmente rispetto che in Italia. Il grosso ostacolo non lo vedrei tanto nel riuscire ad inserirsi dal punto di vista lavorativo quanto nel riuscire ad ottenere un visto di immigrazione che ti dia la possibilita' di venderti poi. Purtroppo senza laurea o un'offerta lavorativa e' molto dura raggiungere il punteggio minimo necessario per fare una domanda come skilled worker. Ovvio ci sono tante vie che possono portare all'immigrazione ma vanno valutate caso per caso....nel tuo caso sorry non ho informazioni sufficienti per fare nessuna ipotesi..
In bocca al lupo!

D ha detto...

Ciao Simona, ciao Bruna, sto scrivendo una tesi sulla migrazione per scelta e volevo chiedervi il permesso di citarvi. In una parte della tesi, vorrei parlare delle testimonianze che si incontrano in rete, citando tra gli altri il blog di Simona, e un paio di frasi di Bruna che descivono bene il tipo di esperienza che voglio raccontare. Non so bene come si debba agire in questi casi, ma mi sembrava giusto informarvi, se poi vorrete comunicarmi un indirizzo mail a cui scrivervi, potrei darvi maggiori informazioni.
Vi ringrazio in anticipo, qualunque sia la vostra risposta!

Simona ha detto...

Ciao D, certo puoi usare le nostre esperienze figurati e' un onore! :)
Trovi la mia email nei dettagli del mio profilo se ti serve ;)
In bocca al lupo per i tuoi studi!

Natale ha detto...

ciao Simona mi chiamo Natale come va?spero tutto bene..io ho lasciato alcuni post ma adesso vorrei un' informazione..Praticamente ho vissuto tra Niagara On The Lake e St Catharines per un anno e mezzo circa ma il mio sogno sarebbe vivere a Toronto..Quello che vorrei sapere è se vengo Toronto quanto mi costerebbe piu' o meno al mese se riuscirei a trovare lavoro tipo un a un ristorante come cameriere?riuscirei a mantenermi con i costi?Sembrerebbe una domanda stupida ma tu abiti a Toronto quindi diciamo che sai più cose di me :)vorrei andare a un college inoltre..grazie in anticipo e spero di avere tue notizie al più presto..

Simona ha detto...

Ciao Natale, la stima che mi chiedi non e' semplice perche' dipende da molti fattori. Primo il tuo stato di residenza: hai la cittadinanza canadese? Com'e' la tua conoscezna dell'Inglese? La tua eta'? Le tue esperienze lavorative precedenti?
Un buon cameriere guadagna bene e se vivi in casa con altri ovvio ce la fai a mantenerti ma trovare lavoro come cameriere e' meno semplice di quanto si pensi...

Fabio ha detto...

Simona Ciao,
ti scrivo per chiederTi cortesemente se puoi darmi informazioni riguardo ai soggiorni di studio a Toronto.
Ho saputo che vi è la possibilità, per gli studenti del liceo con più di 16 anni, di trascorrere un periodo o l'intero anno scolastico, presso una scuola straniera (naturalmente questo periodo viene riconosciuto dallo stato italiano). Ci sono tante società che propongono questo percorso (Inter- Studioviaggi è una di queste), ma i prezzi sono elevati e soprattutto non specificano in fase preventiva, le scuole ospitanti. L'idea è quella di trascorrere almeno un trimestre dell'anno scolastico 13/14 in una scuola di Toronto, ma vorrei prendere accordi direttamente con la scuola. Hai dei riferimenti? Grazie e complimenti per il Tuo blog - davvero utile e propositivo.

Simona ha detto...

Ciao Fabio, devo dire che questa e' la prima volta che sento una cosa del genere....sorry non posso esserti di molto aiuto. Dal mio punto di vista pero' non vedo che tipo di benefici possa portare questo tipo di esperienza. Qui le scuole superiori non sono come in Italia, primo sono 4 anni invece che 5, poi il percorso di studio viene definito dagli studenti. Tipo puoi scegliere te se fare il corso di cucina o di taglio e cucito per semplificarti la carriera scolastica...o simili ovvio. Le nostre scuole rilasciano diplomi che qui sono considerate come lauree di primo livello prese ad un college. Certo questo e' il mio personale punto di vista, magari te avrai altri 1000 motivi che ti spingono a questa scelta. Prova a contattare direttamente la scuola e chiedere informazioni a loro, qui solitamente sono molto organizzati in questo senso ;)
In bocca al lupo!