venerdì 27 marzo 2009

Affittare una casa

Dopo settimane di assenza riprendo trattando di un argomento che, nella maggior parte dei casi, interessa tutti gli immigranti in generale: l’affitto di una casa. Parto dalla distinzione tra casa, condo, basement e rental property. Chi decide di affittare una casa, dotata di giardino e garage, solitamente è perché preferisce vivere in periferia, nella tranquillità delle zone residenziali, decisamente affascinanti per chi ama questo stile di vita. I lati negativi certo sono pochi: spazzare il vialetto dalla neve (obbligatorio), portar fuori la spazzatura in giorni prestabiliti e rispettando gli orari. Un basement può essere considerato parte di una casa, solitamente sono con ingressi separati e molte delle utilities sono in comune con i proprietari della casa che, al 90%, abitano al piano superiore. Ci sono i pro e i contro ad abitare in un basement. I vantaggi sono: prezzi ridotti, possibilità di condividere un giardino ed aria fresca, spazio per la macchina sulla drive way. Gli svantaggi: poca luce, visto che è un seminterrato, grossa umidità specie nei mesi invernali, possibili padroni di casa “fastidiosi”. Per quanto riguarda i condo sono il massimo che l’affitto di un appartamento può dare, differendo ovvio, da palazzo a palazzo. Solitamente un condo prevede tutte le utilities come: luce (detta hydro), gas, acqua, riscaldamenti, compresi nel prezzo d’affitto, l’appartamento è dotato di una cucina completa, di lavatrice, asciugatrice, frigo, lavastoviglie e microonde. I vantaggi del condo sono proprio questi: avere tutto incluso, senza sorprese sulle bollette a fine mese. Gli svantaggi sono generalmente: prezzi più elevati e parcheggio non incluso. Una rental property è una sorta di appartamento condominiale ma a differenza del condo, non c’è un proprietario dell’appartamento (landlord) che decide di affittarlo, ma è un’agenzia che possiede il palazzo ed affitta annualmente i vari appartamenti. In una rental property non è possibile acquistare appartamenti per cui, tutti i condomini, sono affittuari (tenants). La differenza sostanziale rispetto ai condo è che non si è dotati di utilities, questo nella maggioranza dei casi, è possibile trovare buildings con accessori anche negli appartamenti. Solitamente le cosiddette facilities sono nel basement del palazzo, lavatrice ed asciugatrice a gettoni, quindi una spesa in più mensile. Molti condo e molte rental properties hanno una palestra interna al palazzo, piscina, sauna, campi da squash o robe simili, una stanza per i parties, una stanza di svago con tavolo da biliardo, stanze con divani o tavoli per riunioni, spesso molti condo hanno sul tetto una sorta di giardino con gazebo e spazio accessibile a chi vuole dare un piccolo party con barbecue annesso.  Un palazzo che offra tutte queste utilities, solitamente si trova a downtown, dove i prezzi degli appartamenti hanno cifre molto diverse rispetto alla periferia.  Passando all’affitto vero e proprio di una casa/appartamento c’è da dire che qui l’illegalità degli affitti a nero non esiste neanche tra gli italiani trapiantati da anni in Canada! Addirittura è possibile scaricare da qui lo statuto dell’affittuario, con diritti e doveri per entrambi le parti. Se vi accingete ad affittare un condo, dovrete rispettare alcune caratteristiche essenziali per la maggioranza dei landords: avere un lavoro, una credit history positiva, presentare delle referenze. Qualunque casa o appartamento o condo decidiate di affittare c’è una cosa che si dovrebbe sempre fare: trattare il prezzo di affitto. A meno che non si tratti di rental property, dove i prezzi sono stabiliti da un’agenzia per cui non “trattabili”. Come molte cose qui in Canada, solitamente l’affitto di una casa ha una scadenza annuale, viene richiesto il primo e l’ultimo mese di affitto e, se il tenant decide di continuare la permanenza nell’appartamento anche dopo lo scadere dell’anno contrattuale, il padrone di casa ha l’obbligo di pagargli gli interessi sul mese versato in caparra. Quando affittate una casa ricordate di leggere sempre attentamente il contratto di affitto e di richiedere la pulizia dell’appartamento e le tende, se fosse necessario. Ci sono diversi siti disponibili online dove cercar casa, io suggerisco, come sempre, la craiglist

41 commenti:

Francesco ha detto...

Grazie Simona ! Così abbiamo una puntata da commentare per tutta la prossima settimana. Troppo brava ! A presto. Ma tu cosa hai preso ? E rispetto alle tue aspettative di prima della partenza, hai trovato quello che ti aspettavi ? Stai schiattando di invidia per il piano casa di Silvio Presidente muratore !

Simona ha detto...

Ciao Francesco, io ho affittato un condo a downtown, proprio di fronte la metro. La zona per me e' bellissima, il condo sono riuscita a trattare avendo uno sconto di 200$! Devo dire che sono stata fortunata, causa "errore" della proprietaria, giovane ed alla sua prima esperienza come landord. Nel mio palazzo c'e' la palestra attrezzata e sul tetto un giardino con gazebo con una vista bellissima (per me ovvio...) ai grattacieli di Toronto. Per ora non ho la macchina ma il parcheggio, quando sara', mi costera' un occhio della testa, vista la location, non meno di 130$ al mese!
Sorry per la mia "ignoranza" ma non sto piu' seguendo la politica italiana da quando sono qui, e poi la ritengo poco interessante ormai da anni...

fathima ha detto...

Ciao Simona, spero tutto ok... io non ho saputo niente dalla ambasciata per la mia pratica se anche ho mandato tante @mail.. cmq ho perso speranza di ottenere federal SWP. Adesso inizio la pratica per Quebec.. Sai non ho conoscenza francese quindi la vedo dura!

Fathima ha detto...

Per Francesco, Ciao io sono fathima e ho fatto la domanda SWP agosto 2008. non ancora avuto notizie.. cmq dopo 27 di febbraio le domande di SPW sono cambiate e non ho speranza di enterare quelle categorie. Quindi volevo chiederti informazione per Quebec..
per ottenere il certificato per la candidatura Quebec cosa hai fatto? quanto tempo hai aspettato? penso che hai conoscenza ottime di francese.. i documenti hai tradotto e legalizzato in francese? la prove della lingua cosa ti chiedono? scusami tanto se ti chiedo tante domande.. veramente sono interessata di andare in canada..

Francesco ha detto...

ciao fathima,
è un piacere risponderti per cui non preoccuparti. devo avere scritto un riepilogo delle pratiche per il canada nel post precedente di simona, quello di "mario dice che", per cui se vuoi puoi controllare se la risposta che ti scrivo adesso è coerente. l'immigrazione permanente come skilled worker in quebec prevede l'ottenimento del CSQ come primo passo della pratica. per ottenere il CSQ devi preparare una serie di moduli e documenti che devono essere inviati al Bureau d'Immigration du Québec a Parigi (vedi il sito web completo e preciso). A Parigi esaminano il dossier, ti attribuiscono un punteggio e ti convocano per un'intervista al termine della quale ti rilasciano o meno il CSQ. Poi devi fare domanda all'Uffico Visti dell'ambasciata canadese (esiste un percorso dedicato per gli immigranti in québec), preparando una serie di documenti e moduli. L'ufficio visti verifica i documenti e ti chiede una visita medica per poi rilasciarti il visto. I documenti devono essere in inglese o francese anche per il québec, la lingua francese è importante, ma non ti devi preoccupare. io parlo francese e inglese a livello intermedio avanzato, mia moglie francese a livello intermedio avanzato e abbiamo ottenuto un buon punteggio comunque. i documenti devono essere tradotti in francese o in inglese (tradotti ufficialmente, postillati e giurati) e devi pagare fees di trattamento dossier per il quebec, per il canada e fees per il visto canada. tutte le informazioni quebec, tra cui un test di autovalutazione utile ma non vincolante, sono disponibili sul sito del cic che ti rimanda al sito del biq di parigi per i residenti in italia. per la pratica successiva al csq, tutte le informazioni sono disponibili sul sito dell'ambasciata canadese in italia, nella sezione immigrazione quebec. i tempi sono lunghi: per noi l'ottenimento del csq è giunto dopo 7 mesi dalla spedizione dei documenti, mentre per il visto federale siamo ancora in attesa della convocazione per la visita medica (sempre che tutti i documenti inviati siano corretti) dopo 3 mesi dall'invio dei documenti all'ambasciata. se hai bisogno d'altro io sono qui. ciao.

Francesco ha detto...

ciao simona,
a toronto esiste il car-sharing ? se sì potrebbe essere una soluzione interessante almeno all'inizio. strano, ma vero, il car-sharing pubblico esiste a parma ed è molto apprezzato. complimenti per la casa ! buon week end.
francesco

Marco ha detto...

ciao Simona e ciao a tutti, sono Marco.Volevo chiedere a Francesco se per caso sta a Parma,perchè è proprio lì che andrò all' università dall'anno prossimo!!

Simona ha detto...

Ciao Fathima, qui procede tutto bene, certo con alti e bassi. Mi spiace per la tua application, ma non demordere sono certa che ci riuscirai se tieni duro. Il Quebec è un'ottima alternativa, molto più europeo del resto del Canada ;-)

Simona ha detto...

Ciao Francesco, non sono certa riguardo il car-sharing pubblico, in che senso pubblico? Perdona l'ignoranza. Qui c'è un ottimo servizio (car-sharing) chiamato zipcar, puoi noleggiare auto ad ore e lasciarla presso il più vicino centro noleggio zipcar, ci sono prezzi molto convenienti, come 9$ l'ora.

Francesco ha detto...

ciao simona,
a parma il car-sharing è gestito da una società del comune. non che i prezzi siano bassi, ma il servizio è buono e i parcheggi scambiatori tanti.

Francesco ha detto...

ciao marco,
sì, vivo, saltuariamente, a parma da qualche anno. "saltuariamente" si riferisce a parma, non a vivo ... è una piccola città molto comoda, vivibile e snob. l'università è uno dei motori della città, ma per i parmigiani è soprattuttto fonte di affitti in nero... ricordati di procurarti, legalmente, una bicicletta o un motorino, sono una soluzione logistica molto comoda e utile, perchè a parma le distanze sono brevi, le piste ciclabili molte e i parcheggi auto tutti o quasi a pagamento. in bocca al lupo.

Fathima ha detto...

Ciao Francesco Grazie veramente sei gentile di avermi fato le informazione.. Io avevo provato fare il test autovalutazione se posso candidarmi in Quebec o no, e mi ha dato un esito positivo adesso inizio a preparare tutti i documenti. La mia unica preoccupazione e la lingua francese perche' sono basic veramente. Grazie ancora ma ti chiedono i certificati della lingua francese e inglese? il mio inglese e upper intermedio sto studiando per dare la dare l'esame IELTS?
Grazie ancora

Fathima ha detto...

Ciao Francesco, volevo dirti tu avevi gia dato il certificato di DALF o TEF insieme alla Application. Seconda te si può fare la domanda senza avere i certificati di DEFL, DAFL o TEF e nel fratempo studiare e dare l'esame per avere i certificati ad un secondo momento? tu hai dato per caso uno di questi test:
Test d’évaluation du français adapté pour le Québec (TEFaQ) or a Test de connaissance du français pour le Québec (TCFQ).
Scusami tanto..
Grazie ancora

Fathima ha detto...

Ciao Simona, Sono contenta per te e i progressi che stai facendo. Inizio e' duro vedrai che pian piano andranno bene le cose.. Complimenti per tutti informazione che ci stai dando da canada..
Grazie ancora..

Francesco ha detto...

ciao fathima,
io non ho, e quindi non ho fornito, nessun certificato di competenza linguistica. ho indicato il livello di conoscenza sul modulo e ho sostenuto il colloquio a parigi in francese/inglese. mia moglie, che non parla inglese, ha sostenuto il colloquio in francese. i certificati devono essere o in francese o in inglese. il fatto di avere un esito positivo al test è già un ottimo indice di valutazione. in bocca al lupo. francesco

Marco ha detto...

grazie francesco!ciao a tutti!
Simona, gestisci un blog davvero molto utile, è piacevole poter chiarire i propri dubbi con persone che non conosci ma che in qualche modo ti appaiono "familiari", perchè sei sempre gentile e prodiga di consigli.a presto!

fathima ha detto...

Grazie Francesco per me e' un sollievo questo, quindi iniziero veramente a preparare i documenti..
In bocca al lupo per tutto..
grazie ancora

Simona ha detto...

Ciao Francesco e grazie!
Per Fathima: in bocca al lupo!! Persevera e sono certa avrai successo!!

Francesco ha detto...

ciao simona, fathima e marco.
grazie a simona che ha creato e gestisce un blog super, molto utile, accogliente e personale e poi sopporta, per ora, le mie intrusioni.
grazie a fathima, marco e i vari anonimi. voi, siete molto gentili. io non sono da ringraziare, vi sfrutto per placare la mia ansia !
a presto. francesco

Simona ha detto...

Thanks guys ;-)
E' un piacere condividere le mie esperienze! Francesco, lo so che le attese sono davvero logoranti, ma vedrai che appena ricevi le prime risposte, tutto andrà così veloce che ti troverai in Canada da immigrato chiedendoti: cose è successo nei mesi precedenti il tuo arrivo in Canada!!

Al ha detto...

Ciao Simona,leggo sempre con piacere questo blog,mi chiedevo se tra i consumi fissi,come luce acqua e gas,si possa trovare anche il collegamento a internet.

Simona ha detto...

Ciao Al, beh solitamente Internet non è incluso nell'affitto. A meno che non sia un basement o una casa con altre persone che hanno già stipulato un contratto Internet. Credo che dipenda dal fatto che fare un abbonamento Internet è una cosa un pò "soggettiva". Come qui in Italia anche lì le tipologie di abbonamento sono diverse, la velocità di connessione, da pochi Kb a 12Mb, il tipo di connessione, via cavo/ADSL ed altro. Comunque in molti palazzi è incluso l'abbonamento base della TV via cavo, anche perchè senza non ci sono canali da vedere come da noi.

Giovanni ha detto...

Ciao Francesco,
Simona mi ha consigliato di rivolgermi a te .
Sto facendo l applicazione del quebec .
Ti sarei grato se riuscissi a darmi delle informazioni sul processo di selezione :tempi modalita' dell intervista ; consigli.In particolare quali sono i criteri di valutazione delle competenze linguistiche.
Grazie e complimenti per il blog

Francesco ha detto...

ciao giovanni,
scusami ma non credo di averti mai risposto, perchè non riesco ancora ad accettare che i post vivono indipendentemente l'uno dall'altro e mi dimentico di controllarli. se vuoi sono ancora qui e posso passarti tutte le informazioni che ti servono. ciao

progerepl ha detto...

Ciao Francesco,
avevo perso le speranze .
domani invio la domanda a Parigi. riesci a darmi delle informazioni sull intervista ?

consigli suggerimenti ?

grazie

giovanni ha detto...

Ciao Francesco,
avevo perso le speranze .
domani invio la domanda a Parigi. riesci a darmi delle informazioni sull intervista ?

consigli suggerimenti ?

grazie

Francesco ha detto...

ciao giovanni,
allora per pargi, posso dirti che sono stati puntualissimi, efficienti e scrupolosi. l'intervista è stata in francese e in inglese, è durata circa un'ora, gli argomenti sono stati: motivazione, speranze, progetti, spiegazione di parte del cv (il lavoro). su internet www.immigrer.com c'è una sezione di blog con tutte le domande che sono state fatte (essenzialmente a francesi) da parigi. ti do dei tempi: ho inviato la domanda a parigi a metà maggio, ho ricevuto una loro lettera a fine luglio e poi a fine novembre per fare l'intervista a metà dicembre. ciao. in bocca al lupo.

giovanni ha detto...

Ciao Francesco,
grazie mille .

Approfitto della tua disponibilita'per porti 2 quetioni :

hai saputo la data dell intervista a fine novembre ?
( 15 GIORNI PRIMA ) O PRIMA .

E poi, secondo te i tempi indicati nel sito ( c' e' scritto che stanno trattando le domande inviate a febbraio ) sono attendibili ? considerato che ti chiamato per l intervista dopo 7 mesi.

CIAO

Francesco ha detto...

ciao giovanni,
devo correggermi, il 7 nov mi è arrivata la convocazione a parigi per il 16 dic.
i riferimenti contenuti nei siti sono sempre abbastanza attendibili, so di ragazzi che hanno consegnato la domanda in febbraio 09 e non hanno ancora ricevuto alcun cenno dal biq di parigi. il mio primo contatto (lettera di conferma ricezione domanda) è avvenuto dopo 2 mesi e mezzo dall'invio dei documenti, poi più nulla fino al 7 novembre. ciao. se hai altre domande sono qui.

giovanni ha detto...

Ciao Francesco,

GRAZIE !!!!!

sei stato chiarissimo

laura ha detto...

Ciao mi chiamo Laura e ho affittato una casa a vancouver proprio partendo dal primo luglio..solo che non e' tutto come diceva! Vorrei recedere dal contratto! oggi ho provato a dirlo ma dice che non e' possibile eppure qui mi dicevano che si puo..come devo comportarmi?
Un grande abbraccio
laura

Simona ha detto...

ciao Laura, mi spiace per ciò che ti è successo, sarà davvero una rogna recedere, se ci riuscirai. Dovresti partire dal contratto, solitamente è segnato tutto lì e se ci sono incongruenze ti puoi basare su quelle, altrimenti è quasi impossibile a meno che tu non faccia risultare che non hai soldi per pagare l'affitto o che stai andando via e ti puoi proporre di trovare un altro affittuario, perdendo però la caparra. Dipende anche se è un proprietario o un'agenzia che si occupa dell'affitto della casa. A volte i landlord sono più ragionevoli. Dai un'occhiata a questo link, magari trovi qualcosa di utile. In bocca al lupo!

Natale ha detto...

Ciao Simona innanzitutto complimenti per il blog,volevo farti una domanda anche se non centra con l'argomento trattato..Io e la mia famiglia abbiamo fatto la domanda di permanenza come Business Class e hanno chiesto a mio padre di fare un test in Italia per vedere quali sono le sue conoscenze dal punto di vista della lingua inglese..che tipo di test sarebbe?se sai qualcosa..grz in anticipo

Simona ha detto...

Ciao Natale, allora non so di preciso cosa sia stato richiesto a tuo padre. Solitamente l'Ufficio Visti specifica esattamente cosa e dove fare tutti i documenti ma in linea generale posso dirti che non conosco altro esame di lingua per l'Inglese, oltre l'IELTS, che l'Ambasciata possa chiedere.
Dai un'occhiata ai miei 2 post per avere piu' informazioni ;)

Carlo Baldi ha detto...

RAGAZZI NON AZZARDATEVI AD AFFITARE A TORONTO UNA STANZA DALLA SIGNORA GINA MASTRACCI 120 JAY STREET . SONO AVARI DI SOLDI NON MANTENGONO LE PROMESSE DEI SERVIZI CHE DICONO DI DARVI E SONO RUDI E SCORTESI. SPECIALMENTE LA SIGNORA è SCONTROSA SIAMO IN 3 PERSONE QUI E STIAMO SCAPPANDO

P&S ha detto...

CIAO simona,io avrei intenzione di trasferirmi tra un annetto...ma dal momento che è così lontano....io abito a napoli....non saprei da cosa cominciare.....mi aiuteresti?

Giuseppe Nero ha detto...

Per internet e telefono adesso è disponibile anche "Wind" senza contratto. Solo Wind offra le chiamate "in arrivo" gratis. Per me, basta la ricarica di $10 al mese.
Per internet, dopo del'aquisto della chiavetta e attivazione, si ricarica mensilmente anche online sul www.windmobile.ca
Il più conveniente è quello di $25 per 3 Gb mensile, però con questo non si può guardare troppo il video nè parlare troppo lungo sul Skype che scaricono abbastanza.

Giuseppe Nero ha detto...

Per cellulare e internet senzi contratti adesso c'è "Wind". E' l'unico che offra le chiamate "in arrivo" gratis.

cristina cheli ha detto...

Ciao Simona,è esattamente cosi'.I miei zii vivono in un condo,me lo descrivono proprio come hai detto te.D'estate fanno serate in terrazza con amici condomini e non,hanno anche una pista per cani per farli camminare e se sporcano,ovviamente ripulire!(mi sembra il minimo)Il loro palazzo è rettangolare,non a grattacielo,di mattoni rossi,non conosco l'indirizzo pero'.

federica Bortoluzzi ha detto...

Ciao Simona,forse accetterò un'offerta di lavoro a Grismby. L'Idea però è quella di prendere casa a Toronto perchè dovrò rifarmi delle amicizie e non vorrei essere troppo isolata. So che è traffica Toronto, ma che idea hai? Qualche zona da consigliarmi?

Grazie
Federica

federica Bortoluzzi ha detto...

Ciao Simona,
forse accetto un'offerta di lavoro in Canada (Grimsby). Dato che non vorrei stare sola e rifarmi delle amicizie...vorrei prendere casa a Toronto (2 gg lavorerei a Toronto). Che zona mi consigli? Qualche suggerimento?

Grazie
Federica